Percorso: Home page / Contenuti istituzionali
Education
ultimo aggiornamento - 10/03/2013
Dopo le Medie Scegli una Scuola Tecnica

Dopo le Medie Scegli una Scuola Tecnica: la Campagna di Comunicazione di Unindustria Treviso e Provincia di Treviso

"Dopo le medie scegli una scuola tecnica" sarÓ lo slogan di un’ampia campagna di comunicazione promossa da Provincia e Unindustria di Treviso per l’orientamento degli studenti di terza media, alle prese con la scelta del percorso scolastico da intraprendere.
Il progetto Ŕ stato presentato oggi con una conferenza stampa presso la Provincia di Treviso con l’intervento del Presidente dell’Ente, Leonardo Muraro, del Presidente di Unindustria Treviso, Alessandro Vardanega, dell’Assessore provinciale alla Formazione Professionale, Denis Farnea, e del Vicepresidente di Unindustria delegato a Scuola e Formazione, Ennio Bianco.
Da grandi poster posti in tutti i principali centri della provincia, dai lunotti posteriori degli autobus urbani ed extraurbani, dalle pagine dei giornali e da 75mila pieghevoli e 500 locandine vi sarÓ un forte messaggio per la valorizzazione dell’istruzione tecnica quale opportunitÓ di crescita personale e professionale per i giovani e di sviluppo di un territorio caratterizzato da un manifatturiero avanzato.
"Senza voler assolutamente demonizzare la formazione umanistica, questa campagna di comunicazione vuole far capire ai giovani e alle loro famiglie che una formazione tecnica Ŕ assolutamente qualificante e, soprattutto, garantisce un’immediato inserimento al lavoro, senza per questo togliere la possibilitÓ di continuare il percorso di studi all’UniversitÓ. Ricordo poi che una formazione tecnica Ŕ la base sulla quale costruire anche un futuro imprenditoriale. Cito solamente il caso di una piccola azienda trevigiana creata da un perito e un ragioniere che, ora, compete a livello internazionale con un colosso come la Bosch".
"Ringrazio la Provincia per aver condiviso questa campagna di comunicazione – dichiara il Presidente di Unindustria Treviso Alessandro Vardanega –, che punta ad offrire - in un momento di incertezza e disorientamento sulle scelte importanti per il futuro com’Ŕ la scelta del percorso scolastico per i propri figli - un messaggio di fiducia che nasce dal riconoscimento delle grandi capacitÓ delle imprese e dall’alto valore raggiunto dal manifatturiero in questo territorio. Disponiamo in provincia di scuole tecniche di alto livello spesso in collegamento stretto con le imprese. Il nostro obiettivo Ŕ di potenziare ancor pi¨ questa collaborazione perchÚ Ŕ dall’educazione tecnica che Ŕ nato lo sviluppo industriale di questo territorio. Questo legame continua ad essere essenziale per uno scambio ed un aggiornamento continuo tra scuola e impresa attraverso i giovani studenti, che saranno poi i tecnici e gli imprenditori di domani".
Anche in provincia di Treviso si Ŕ registrato, come a livello nazionale, un calo di diplomati, passati da 2.594 nell’anno scolastico 1996-1997 (41,9% del totale) a 2.064 dell’anno scolastico 2006 – 2007 (36,6%) in un territorio dove il 44% degli occupati opera nelle imprese industriali.
"La Provincia di Treviso vuole attirare l’attenzione delle famiglie, degli insegnanti e dei ragazzi verso una scelta consapevole, specie in questo particolare momento, nel quale una formazione tecnica potrebbe formare nuove imprenditorialitÓ – ha spiegato Denis Farnea – inoltre, le scuole tecniche rispondono concretamente alle reali esigenze dell’economia del territorio".
"E’ un progetto – dichiara Ennio Bianco, Vicepresidente di Unindustria – che si inserisce in una collaborazione ormai ventennale tra il mondo della scuola e la nostra Associazione, che coinvolge gli studenti e le famiglie come i docenti ed i dirigenti. Vogliamo far conoscere loro una realtÓ d’impresa effettiva, che Ŕ innovativa, internazionale e creativa e perci˛ lontana da stereotipi purtroppo ancora presenti. L’istruzione tecnica non Ŕ di serie B e va ricordato che se circa il 50% dei diplomati tecnici prosegui gli studi all’universitÓ, quelli che entrano subito in azienda hanno opportunitÓ e possibilitÓ pari a quelle di un neo laureato, continuando poi ad apprendere in un contesto stimolante".





Allegati

 Presentazione_Campagna (file .pdf - 606Kb)
 Pieghevole (file .pdf - 269Kb)
 Locandina (file .pdf - 229Kb)
 audio (file .mp3 - 1203Kb)