Percorso: Home page / Contenuti istituzionali
Primo piano
ultimo aggiornamento - 12/23/2015
UNINDUSTRIA TREVISO SOSTIENE L’ESPOSIZIONE STORIA DELL’IMPRESSIONISMO E OSPITERA’ A PALAZZO GIACOMELLI LA MOSTRA COLLEGATA DE PICTURA

Unindustria Treviso sostiene la mostra “Storia dell’impressionismo. I grandi protagonisti da Monet a Renoir, da Van Gogh a Gauguin”, curata da Marco Goldin e organizzata da Linea d’ombra, che si terrà a Treviso, nel museo di Santa Caterina, dal 29 ottobre 2016 al 17 aprile 2017.

L’Associazione degli Industriali sarà partner della mostra e ospiterà in contemporanea, nella sede di rappresentanza di Palazzo Giacomelli, la mostra “De Pictura”, con 48 dipinti di dodici artisti italiani del secondo Novecento - la cosiddetta “generazione di mezzo” -, esposizione che rappresenta un approfondimento rispetto a quella sulla pittura italiana del secondo Novecento di Santa Caterina.

La mostra sarà visitabile gratuitamente negli orari di apertura di Palazzo Giacomelli. Unindustria Treviso, inoltre, curerà la stampa del libro/catalogo della mostra ospitata nella propria sede, i cui testi saranno di Marco Goldin.

Questa iniziativa di Unindustria Treviso si inserisce in un ampio impegno a sostegno delle iniziative culturali in città e nel territorio. Accanto all’attività del rinnovato Palazzo Giacomelli, che negli ultimi mesi ha ospitato importanti rassegne dedicate all’arte e al design e numerosi appuntamenti culturali, vi è stata nel 2015 la partecipazione al progetto di marketing territoriale e promozione turistica promosso dal Consorzio Marca Treviso in occasione degli importanti eventi culturali che caratterizzano la città in questi mesi.

“Abbiamo sostenuto convintamente fin dall’inizio il progetto di Marco Goldin per Treviso – dichiara Maria Cristina Piovesana, Presidente di Unindustria Treviso – e siamo soddisfatti che, grazie all’impegno del Sindaco Giovanni Manildo e della sua Giunta, si sia potuto concretizzare per il 2016. Unindustria Treviso è impegnata da molti anni nel sostenere la cultura e il recente restauro di Palazzo Giacomelli ha segnato l’inizio di un ulteriore potenziamento delle nostre iniziative in questa direzione. Bellezza e cultura sono un arricchimento necessario, anche nelle nostre imprese, e un ‘bene comune’ di cui non possiamo, e non dobbiamo, fare a meno. E possono diventare anche un valore economico e un’opportunità di occupazione qualificata in particolare per i giovani. Treviso ha le migliori potenzialità per essere una meta culturale, per visitatori italiani e internazionali: dobbiamo crederci e presentarci con le migliori iniziative. La mostra curata da Marco Goldin è una grande opportunità, che va colta con convinzione”.

“Abbiamo più volte sottolineato come il ritorno di Marco Goldin a Treviso rappresenti non solo un elemento di rilancio necessario per il sistema culturale trevigiano, ma un volano per la crescita dell’intero territorio – dichiara il Sindaco di Treviso Giovanni Manildo – . Forti di questa convinzione abbiamo accolto con grande entusiasmo l’idea che a dare avvio alla stagione delle grandi mostre del 2016, nei rinnovati spazi di Santa Caterina, fosse l’esposizione di Linea d’ombra. In questo percorso il sostegno di Unindustria Treviso è stato costante. L’iniziativa a cui abbiamo il piacere di assistere oggi ne è la conferma. Il ritorno di un grande interprete della nostra città, accolto da un sistema cittadino solido, sta già dimostrando le sue potenzialità in termini di sviluppo, indotto e opportunità di lavoro. Con fiducia e con lo sguardo dritto al futuro stiamo tracciando la strada per il rilancio cittadino”.

Ufficio stampa